Stefano Parise

Sono nato a Milano nel 1964, ho una formazione umanistica e musicale (laurea in lettere e diploma in composizione musicale) e lavoro in biblioteca dal 1988, dove mi sono via via occupato di bambini e ragazzi, nuove tecnologie, cooperazione bibliotecaria. Attualmente sono presidente dell'Associazione Italiana Biblioteche (AIB) e direttore generale della Fondazione Per Leggere - Biblioteche Sud Ovest Milano, una rete di biblioteche publiche che opera per promuovere la lettura e incentivare l'accesso ai servizi bibliotecari nei 54 Comuni che ne fanno parte.
Ultimi post di Stefano Parise
Bibliotecari del futuro

Di fronte ai cambiamenti radicali che stanno investendo il mondo del libro e dell’informazione per via della rivoluzione digitale, è legittimo chiedersi se in futuro, quando tutta l’informazione e la…

Elenchi

(it’s wonderfoul, it’s wonderfoul, I dream of you…/ chips, chips, du-du-du-du-du) Elenco dei motivi per cui vale la pena fare il bibliotecario 1 – Perchè la biblioteca è uno strumento…

La linea sottile

Quando ho iniziato a lavorare in biblioteca i libri da acquistare si sceglievano prevalentemente in libreria. Si andava a selezionare le novità editoriali che il libraio ti faceva trovare in…

Ritratto del bibliotecario da giovane

Non è infrequente leggere su Aib-Cur, la lista di discussione dei bibliotecari italiani, messaggi come quello di Elisabetta che annuncia di voler gettare la spugna perché sente sfuggire ogni possibilità…

Diritti e rovesci

Dedico questo post a Irene, che sulla pagina FB dell’appello AIB La notte delle biblioteche ha scritto «prima che sia troppo tardi… digitalizzate tutto!». – – – «Buongiorno, vorrei prendere…

La saggezza del bibliotecario

In che cosa consiste il lavoro del bibliotecario? Per qualcuno nella distribuzione di libri, per altri nella loro lettura. Mi è capitato più di una volta di sentire frasi del…

Bibliotecari per caso

Come si diventa bibliotecari? La domanda non prevede risposte univoche. Per quanto mi riguarda è stato un caso. Studiavo per diventare musicologo e per mantenermi agli studi, invece di dedicarmi…