Paola Mazzarelli

Paola Mazzarelli traduce dall’inglese per l’editoria. In quasi trent’annni di attività ha tradotto una settantina di testi di ogni genere: narrativa, saggistica, letteratura per ragazzi, viaggi, biografie per i principali editori italiani. La riflessione sul mestiere del tradurre l’ha portata nel tempo a occuparsi anche di insegnamento della traduzione. Nel 2007 ha contribuito a fondare la Scuola di Specializzazione per Traduttori Editoriali di Torino, dove insegna e di cui è coordinatrice didattica. È tra i redattori della rivista online "Tradurre.Pratiche teorie strumenti" (http://rivistatradurre.it)
Ultimi post di Paola Mazzarelli
La responsabilità di chi traduce

Mi è arrivata in questi giorni una traduzione di cui dovrò fare la revisione. Si tratta di una prassi comune nell’editoria: qualunque traduzione ha bisogno di una revisione, di un…

Lettori di traduzioni

In questi giorni, nei ritagli di tempo, sto sbobinando un’intervista che ho fatto due settimane fa a Elena Loewenthal, traduttrice dall’ebraico, su che cosa significhi tradurre da una lingua tanto…

Traduttori invisibili

Anche oggi i due protagonisti del romanzo che sto traducendo dovranno restarsene chiusi nel rifugio squassato dalla bufera in cui sono accampati da giorni perché non ho tempo di andare…

Maestri e botteghe

Oggi non traduco, devo preparare il laboratorio che terrò nel pomeriggio. L’altra mia attività, che affianca da anni quella della traduzione, è l’insegnamento. Dicevo ieri che traduttori non si nasce,…

Scrittori di traduzioni

A proposito della fretta di cui dicevo ieri… Questo è uno degli aspetti del cambiamento che ho visto nell’editoria (ma non solo nell’editoria) in questi venticinque anni di lavoro. La…

Quel che passa il convento

Il testo di cui parlavo ieri, cominciando a raccontare il mio mestiere di traduttrice editoriale, è un testo come ce ne sono tanti: non particolarmente bello dal punto di vista…

Il disastroso e inestricabile labirinto del traduttore

Sono seduta davanti al PC e guardo sconfortata le pagine che mi aspettano. Quando si dice intraducibile! Chi non si è mai cimentato con la traduzione immagina che a porre…