Leonardo Sonnoli

Leonardo Sonnoli (Trieste, 1962), graphic designer, partner di Tassinari/Vetta, si occupa di identità visiva e di grafica editoriale. Collabora con il New York Times, Il Sole 24 Ore e doppiozero.com. Tra i progetti più recenti, il restyling degli spazi di accoglienza della Reggia di Versailles e la comunicazione delle mostre di Palazzo Grassi e Punta della Dogana. Dal 2000 è membro dell’AGI-Alliance Graphique Internationale - la più prestigiosa associazione del settore - ed è presidente del gruppo italiano. Premiato con il Compasso d'Oro 2011, all’attività professionale affianca l’impegno di docente presso l’Università IUAV di Venezia e l’Isia di Urbino.
Ultimi post di Leonardo Sonnoli
palline da golf

Ed Benguiat, newyorkese classe 1927, è uno dei più prolifici type designer internazionali. Membro dell’AGI –Alliance Graphique Internationale- nella sua lunga carriera ha disegnato centinaia di caratteri di grandissima diffusione…

Odio Charlize Theron.

Cose che cerco di ricordare (quando lavoro) 1. C’è sempre un altro modo per fare bene una cosa. 2. Una cosa fatta si può sempre migliorare. 3. Sono sempre responsabile…

futurpassatisti

Questa mattina in studio, anche per scrivere le ultime righe di questo blog. La visita all’archivio del Mart di Rovereto è stata, come sempre, di grandissimo interesse e piacere, grazie…

Volume Superleggero

Oggi, venerdì, in gita a Rovereto con gli studenti. Visitiamo il fantastico archivio del Mart, uno dei migliori musei italiani, senza dubbio. Da diversi anni, quando è possibile, porto a…

il grafico? una quattro stagioni senza carciofini

Oggi scrivo tardi. Sono in una camera d’albergo, come spesso succede almeno una volta alla settimana. Questa mattina ho passato un paio d’ore a rispondere alla posta e poi qualche…

true stories

Nell’ultimo testo accennavo alle storie che devono raccogliere i miei studenti. Sono inaspettati i temi che vogliono indagare. Qui una breve lista di alcuni di questi. Per ognuno di questi…

la biblioteca ambulante

In questo periodo dell’anno insegno all’Università Iuav di Venezia. Il mio è un laboratorio che è partito in modo specifico sul design tipografico, cioè su come usare, gestire, modificare, disegnare…

il libraio misogino

Questa mattina mi sono fermato a guardare la vetrina della libreria sotto lo studio. Già deformato professionalmente, sono stato definitivamente rovinato dalle cover story di Stefano Salis sul Domenicale e…

il ruolo del fango

Sono le 22. L’unica cosa che mi tiene ancora in studio a lavorare è il pensiero, o la speranza, che domani avrò una montagna meno alta da scalare se riuscirò…

un bacio al popolo Mapuche

Avevo cominciato questa mattina grigia d’inverno citando “I vitelloni”. Bene, dopo un po’ di Kronos Quartet e di Interpol nel dopopranzo, non posso che essere ancora più malinconico e citare (come mi…

mia nonna semiologa

La giornata è una di quelle in cui non ti alzeresti dal letto. Fuori, nella piazza, gli uomini passano col bavero alzato: da questo, mi ha insegnato mia nonna, si…

l’audio orologio

Oramai pomeriggio inoltrato. Giornata fredda e umida e a quest’ora si sente fuori dalla finestra dello studio -che è in area pedonale qui a Rimini- la gente che è uscita…

15 mesi all’anno

Finalmente domenica! Dovrebbe essere la giornata del riposo, e in qualche modo lo è, anche se mi trovo in studio a lavorare, come capita oramai da troppo tempo. Lavorare nel…