Judith Wade

Judith Wade, inglese di nascita, Italiana d'adozione. Ho fondato Grandi Giardini Italiani srl nel 1997, convinta che un assett strategico per l'ecomonia Italiana sia rappresentata dai servizi annessi ai Beni Culturali. Inoltre credo che se ci fosse un posto di lavoro a servizio di ogni bene culturale in Italia avremmo creato non solo ricchezza economica ma anche e soprattutto posti di lavoro qualificati. Prima ho lavorato in pubblicità, poi nel marketing e nella comunicazione per aziende nel settore del turismo. Attualmente lavoro con circa ottanta proprietari e curatori di Beni culturali in 13 regioni. Lo scorso anno il network Grandi Giardini Italiani è stato visitato da oltre 8 milioni di turisti paganti; attraverso due siti web, facebook e twitter, casa editrice e produzione di documentari sto creando una community che apprezza un'arte erroneamente considerata fino a poco fa minore, ovvero i famosi giardini, vanto della cultura Italiana nel mondo.
Ultimi post di Judith Wade
Cultura dell’impresa, impresa della cultura

Ti volevo portare con me per una visita ai beni culturali dei quali mi occupo. Vorrei che tu capissi perché ho creato questo lavoro, che formalmente non esisteva prima: almeno…

Pall Mall,Pirro Ligorio e il mercato globale

Partendo dalla considerazione che i Beni culturali interessano un pubblico molto internazionale, negli anni ho ritenuto importante andare all’estero per promuovere il mio lavoro. Il primo viaggio fu a Londra.…

Eventi start up

The event. Per attirare l’attenzione del pubblico,ndei media, degli sponsor e delle istituzioni occorre inventarsi un evento. È la legge del mercato del nostro mondo della cultura. Fa notizie, vende…

Sponsor, santi in paradiso e banditi

Chiunque lavori nel campo della cultura prima o poi spera di trovare uno sponsor. Con lo sponsor si ha una specie di certificazione che tu fai parte di un mondo…

Mestieri antichi, nuove opportunità

Una volta quando pensavo a qualcuno che lavorava nel mondo della cultura mi veniva in mente il Direttore del Victoria & Albert Museum, con il suo colaratissimo papillon. Per me…

A day in the life… di un operatore culturale: multitasking

Ore 8.30 riunione con il team, debbiamo lavorare assieme come se dovessimo assemblare una macchina. Un progetto richiede un insieme di mestieri e diversi punti di vista. Prima che comincino…

Un assett strategico e il Re Sole

Che fastidio l’”inverted snobism” che avvolge il mondo del lavoro nell’ambito della cultura. Il lavoro spesso ti viene compensato con una pacca sulle spalle, qualche volta ti includono nelle mailing…