Giulio Iacchetti

Giulio Iacchetti si occupa di industrial design dal 1992 progettando per diversi marchi, tra cui Alessi, Danese, Foscarini, Moleskine. Nel 2001 si aggiudica, con Matteo Ragni, il Compasso d’Oro per il Moscardino, posata multiuso biodegradabile disegnata per Pandora Design, entrata a far parte della collezione permanente del design al MoMA di New York. Nel maggio 2009 la Triennale di Milano ha ospitato una sua mostra intitolata “Giulio Iacchetti. Oggetti disobbedienti”. Parallelamente ha portato avanti la sua personale ricerca verso nuovi temi di progetto come quello della croce da cui è nata la mostra Cruciale, ospitata dal Museo Diocesano nella primavera del 2011.
Ultimi post di Giulio Iacchetti
grazie

Cos’è per me il design? Per concetti come l’amore, l’amicizia, ma per volare più bassi, design appunto o progetto, le definizioni verbali denunciano sempre un limite…è più facile vivere l’amicizia…

tra colleghi.

Ieri ho incontrato nel suo studio James Irvine. James è arrivato nel 1984 in Italia da Londra, sua città natale.  Il suo cv è ricco di incontri importanti come la…

Terzista sarai tu!

Noto una venatura di leggero disprezzo nella definizione “terzista”. Per il vocabolario “terzista” è colui che” tesse per un committente specifico, utilizzando materie prime fornite dal committente stesso”. Ne esce…

Ritorno alla fonte della produzione

Come mai un oggetto che ha un costo di produzione di 10€ arriva sul mercato come minimo a 60 o 70€? Nel mondo della produzione, i “moltiplicatori” di valore sono…

una strada che non porta da nessuna parte

Giovedì mi sono recato alla Magis, azienda che produce tra gli arredi più belli disegnati dai migliori designer in circolazione. Il suo patron-ispiratore mi ha fatto dono di un racconto…

Il valore assoluto del disegnare forme

Brevi note sulla mia vita da designer, ovvero un estratto del mio diario a partire da questa mattina. 8,30 Incontro attorno al tavolo di casa, tra tazzine di caffè e…