Fernando Mazzocca

Sono uno storico dell'arte che si è formato tra l'Università degli Studi di Milano e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ho avuto occasione di svolgere la mia attività di ricerca per dodici anni. Anni davvero fondamentali, per le lezioni indimenticabili di Paola Barocchi, ma anche per gli stimoli che ho avuto anche dagli incontri con grandi studiosi, di varie discipline , che vi venivano invitati. Per rimanere nell'ambito della mia materia, la storia dell'arte, vorreri almeno ricordare Francis Haskell che a Pisa era di casa. Nei suoi seminari affrontava argomenti che poi sono finiti nei suoi grandi libri, ancora esemplari per tutti noi. Poi ho insegnato a Ca' Foscari a Venezia e a Milano, tornando come docente nell'Università che mi aveva visto studente. In questa città, dove non sono nato ma che è diventata la mia città, ho avuto l'occasione di proiettare i miei studi in una dimensione più militante, progettando mostre. Ho inziato nel 1978 al Museo Poldi Pezzoli, poi sono passato, in più di un'occasione, nelle sale di Palazzo Reale e a Brera. Da Milano questa mia attività si è spostata in altre sedi, tra Torino, Verona, Genova, Padova, Roma, Palermo. Speciale è sato e continua a essere il mio rapporto con Palazzo Zabarella a Padova e il San Domenico di Forlì che mi hanno consentito di realizzare negli anni progetti espositivi originali e coerenti. Ma di questo e di alte occasioni ancora vi parlerò giorno per giorno.
Ultimi post di Fernando Mazzocca
Chi affolla le mostre affolla anche i musei?

È l’ultimo giorno e mi accorgo che nelle mie confidenze forse ho tralasciato cose importanti e ne ho dimenticate delle altre. Anche se l’essenziale credo di averlo detto. Non vorrei…

Perché i cataloghi d’arte valgono poco ai fini di un concorso universitario?

Sta per concludersi la settimana e le due mostre su “Il Simbolismo in Italia” a Padova e su Gian Giacomo Poldi Pezzoli a Milano sono ormai disallestite. Rimane un poco…

Così Luchino Visconti mi ha aiutato a far rivivere l’Ottocento lombardo

Finirà mai questo gelo? Mi ricorda quello sofferto quando, tanto tempo fa, siamo sempre verso la fine degli anni settanta, quando mi sono sobbarcato lunghi soggiorni sul lago di Como…

Non demonizziamo le mostre come prodotto di consumo

Rispetto alla mostra organizzata nel 1978 al Poldi Pezzoli, la mia carriera universitaria era iniziata tre anni prima. Mi ero laureato a Milano nel 1973 con una tesi sulla cultura…

Prestiti impossibili: la mostra ideale alla prova della realtà

Vedere smontare una mostra, costruita con tanta passione e tanta fatica, mette una grande tristezza, quanta era stata l’euforia e la soddisfazione nei giorni del montaggio, quando le opere che…

Città d’arte si diventa?

No. non ho dimenticato Philippe Daverio, il “bocconiano” che è diventato, in una biografia densa di iniziative e incarichi anche istituzionali, il brillante, ironico e molto amato punto di riferimento…

Dalla mostra d’élite alla mostra popolare

Inizio settimana nostalgico. È tempo di bilanci. Ieri si è chiusa, a Palazzo Zabarella a Padova, la mostra sul “Simbolismo in Italia” che aveva aperto i battenti il 1 ottobre.…