Montare in digitale

Il montaggio ovviamente non è solo arte del cinema. Nella maggior parte dei casi, cioè nei prodotti non per il cinema, viene chiesto a un montatore di fare tutto. Montare il film, montare il suono, color correction, titoli, dvd, sottotitoli  e anche qualche effetto. Si è diffusa la possibilità di fare tutto questo in modo molto semplice rispetto a prima, con un portatile, un programma, un disco di memoria. Si  riassumono così nel montatore tutte le professionalità specifiche della post produzione. E bisogna saperlo fare. Insieme saper raccontare.
Anche per fare l’assistente nei film servono qualità molto tecniche. In più con le nuove telecamere (che stanno velocemente sostituendo le cineprese) sono nati nuovi file e non un solo tipo, richiedono spesso grande quantità di memoria esterna e  i computer devono esser in grado di gestirla. Poi il passaggio del film al montatore del suono e al laboratorio per il direttore della fotografia sono fasi che si trasformano continuamente, si aggiornano.

Tecnica e linguaggio. Questo rende il montatore un po’ interprete dei cambiamenti.

 
Commenti disabilitati Trackback Permalink | 10.03.2012
Condividi:

I commenti sono chiusi.