Saluti e baci

E così siamo arrivati alla fine della settimana.
Il mio elenco di cose da raccontare è ancora lunghissimo e non c’è spazio per tutto, ma proverò brevemente a citare le tre per me più importanti.

Wiki Loves Monuments
WLM è un concorso fotografico in due fasi: una prima fase nazionale e una seconda europea, a cui partecipano i vincitori della prima fase. Lo scopo del concorso è raccogliere immagini in licenza libera dei monumenti di una nazione.
Quest’anno hanno partecipato 15 paesi e l’Italia non è tra questi; il Codice dei beni culturali è, al momento, un muro insormontabile che non ci permette di illustrare liberamente qualcosa che, almeno per anzianità, è patrimonio dell’umanità.

Open Access
Il 24 ottobre inizia la quinta Open Access Week, la terza in Italia. Mi rendo conto che di primo acchito può sembrare un tema un po’ di nicchia che riguarda solo il mondo universitario, ma l’impatto riguarda tutti noi. Se non sapete di cosa sto parlando, vi consiglio tre letture: la voce su Wikipedia, la Dichiarazione di Berlino, la storia dell’Open Access e una riflessione sui destinatari dell’OA (due post di Peppe Liberti).

Festival delle Libertà Digitali
Ieri si è conclusa la terza edizione del Festival delle Libertà Digitali organizzato da Wikimedia Italia, quest’anno per la prima volta sparso sul territorio (sei città coinvolte: Bologna, Napoli, Padova, Pisa, Roma e Vicenza).
Il festival per noi è un momento interessante per presentare tanti progetti (non solo quelli di Wikimedia!) che condividono una filosofia comune di apertura e collaborazione: la wiki way.
Mi piacerebbe dirvi “stay tuned”, ma un anno col fiato sospeso mi pare troppo ;-)

Un’ultimissima cosa e poi la smetto: se quel che ho raccontato l’avete trovato interessante, potete continuare a seguire questo pazzo mondo sul Pianeta Wikimedia, un aggregatore dei nostri blog dove finiscono solo i post dedicati a questi temi.
Lunga vita e prosperità!

 
Commenti disabilitati Trackback Permalink | 15.10.2011
Condividi:

I commenti sono chiusi.