Ritratto dell’agente da cucciolo

Da come l’ho descritto, sembra che l’agente letterario sia un mestiere che si può fare solo un po’ avanti negli anni, dopo aver accumulato parecchia esperienza e parecchie conoscenze.

In realtà, non è proprio così: si può per esempio cominciare a lavorare in una agenzia (in Italia oramai ce ne sono una trentina, tra grandi e piccole), impratichirsi di contratti, occuparsi dei clienti stranieri, cioè altre agenzie o editori che affidano all’agente il loro catalogo per vendere i diritti di traduzione in Italia. Oppure si può entrare in una casa editrice – nell’ufficio diritti o acquisizioni – e poi, se si può contare su un certo numero di autori significativi disposti a seguirci nell’impresa, mettere su una agenzia propria.

Gli autori – anche e forse soprattutto all’alba dell’era dell’ebook – hanno molto bisogno di consulenti e quindi chi meglio di una persona giovane, uno della generazione digitale, può assumere questo ruolo?

A 51 anni compiuti, sarà meglio che mi aggiorni anch’io, se voglio restare sul mercato!

 
Commenti (2) Trackback Permalink | 26.10.2011
Condividi:

2 risposte a Ritratto dell’agente da cucciolo

 
Commenti
 
  1. laura scrive:

    Egr. Sig. Vigevani Marco,
    sono rimasta colpita dalla sua perseveranza che ritengo valore fondamentale per la ricerca e, forse, la riuscita nel mondo del lavoro. Nella vita non ho avuto la stessa “fortuna” , causa malattia, anche se ritengo che non sia mai troppo tardi per raggiungere i propri obiettivi. Pensa che il mondo del libro sia sempre disposto ad accettare chiunque abbia voglia di tali obiettivi, quali l’Università? Mi sento un pò avanti con gli anni quindi…
    Distinti saluti.

  2. Mario scrive:

    Egregio Sig. Vigevani,
    mi chiamo Mario, ho 25 anni e a breve conseguirò il diploma di laurea in Filosofia e Scienze Umane; inoltre, da Ottobre, lavoro come agente-rappresentante presso un’azienda che commercializza prodotti farmaceutici e sanitari. La mia più grande ambizione sarebbe quella di diventare un agente letterario: adoro i libri e pensare di poter lavorare alla loro realizzazione mi fa impazzire!
    Le chiedo dunque se può darmi qualche suggerimento, da dove poter cominciare (che libri leggere, se è preferibile seguire dei corsi, qualsiasi cosa).
    La ringrazio anticipatamente e le auguro una buona giornata.
    Distinti saluti